RUPICAPRA

Nuvole intense rallentano l’alba, nel buio sentiero sotto le chiome, la nebbia avvolge un’animo oppresso. I passi lenti, lo zaino pesante, la schiena sudata. Ho bisogno di luce, di fuoco che asciuga. Soffi di vento scompigliano il grigio, a tratti si allunga la vista. Lassù, dove la montagna si spiana, qualcosa si muove. Sono camosci, abitanti del luogo, abili rocciatori dalle piccole corna uncinate, il pelo nero d’inverno e biondo d’estate. Lascio il sentiero e salgo veloce, la rampa è bagnata, scivolo e cado. Mi aggrappo alle erbe e continuo a quattro zampe in direzione di un masso che sporge imponente e nasconde il mio avvicinamento. La nebbia si alza, il cuore che batte, raggiungo la roccia, un respiro profondo. Lentamente mi sporgo: c’è una mamma con il capretto. Sono tranquilli. Non mi hanno visto. L’aria fredda che scende non gli fa arrivare il mio odore: un’occasione che aspettavo da tempo. Fotocamera in mano, sbircio di nuovo, i capretti son due. Uno vuole succhiare, ma la mamma non lo lascia. Poi capisco che non è suo figlio. C’è un’altra mamma verso la quale ritorna. Corre, salta, una giravolta e cade. Nato da un giorno, impara alla svelta. Una pausa e poi via dall’amico di corsa: “Prendimi dai!” Rivedo i miei figli e sorrido incantato. Libero, acrobatico, l’allenamento continua, vicino alla mamma che bruca nervosa. Cala la nebbia e tutto scompare. L’emozione si spegne, ho le mani gelate. Scrollo le braccia, prendo la thermos, un sorso caldo, soddisfazione. Gocce di pioggia sul viso, ritorno nel bosco tra larici e abeti. Risaltano i licheni sulla corteccia bagnata, quelli gialli velenosi sembrano accesi. Le gocce aumentano, stringo le cinghie dello zaino e giù di corsa fino alla macchina, prima che il cielo si svuoti.


L’AUDIORACCONTO

8 pensieri riguardo “RUPICAPRA

  1. Quei piccoli di camoscio così vivaci mi ricordano “QUALCUNO “da piccolo, e le ansie della mamma. Nel racconto fai rivivere le immagini anche senza visualizzarle …poi il video è speciale!!! Bello immergersi nella natura così incontaminata anche vivendo la realtà ci sentiamo liberi ,liberi nella mente e nel cuore liberi di Amare. Grazie!

Rispondi a Mauro Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: